Un nobile committente…

La Madonna di Loreto o dei pellegrini

Un nobile committente chiede una raffigurazione della Madonna di Loreto che accoglie i pellegrini
da porre sulla sua tomba
faceva parte della confraternita della “Trinità dei pellegrini”
e Loreto era stata una meta dei suoi pellegrinaggi e, forse, tappa significativa per la sua fede.1
Affidata questa tela alla mano di Caravaggio,
ne nasce l’occasione per una profonda riflessione teologica ed affettiva.
La cogliamo guardando il quadro.


Una soglia e una porta aperta da cui si affacciano Maria e il bambino; 2.
Inginocchiati presso la soglia, un uomo – lacero nei suoi panni – e l’anziana madre.

I due pellegrini vengono accolti da due sguardi:
il giovane, dallo sguardo di Gesù che gli indica la strada;
la vecchia madre, dallo sguardo di Maria,
anzi, le due madri si scambiano uno sguardo,  d’intesa.

Una diagonale di luce unisce i due figli;
due cerchi luminosi incorniciano i volti delle madri.

Pesanti i piedi del pellegrino,
gonfi e sporchi.
Pesanti le rughe della vecchia madre,
con mani provate da tanta fatica.

Leggeri e danzanti i piedi di Maria;
a dire la gioia di chi accoglie.
(a rendere più bella l’accoglienza verso i pellegrini) .

Dolce lo sguardo di affetto di Gesù,
già pronto ad indicare la via.
“Madre della Chiesa”, “Porta del cielo”,
la invochiamo nelle litanie.

Ma non da sola,
perché con sé porta il Figlio,
Pietra angolare; Tempio santo.

Cammino, fatica, speranza, gioia.
Accoglienza…

E a noi tutto è donato,
sulla soglia della sua casa.3

_______________________________________

Note

1. Per pensare alla trasformazione della scena  che propone Caravaggio
ci può aiutare l’iconografia che si era soliti adottare per questo tema ,
anche da parte di grandi artisti. Annibale Carracci.

2. E’ interessante il confronto con la deposizione dello stesso Caravaggio

E’ evidente nel gesto di Gesù
il riferimento alla sua parola evangelica: La pietra scartata dai costruttori  è diventata testata d’angolo,  pietra di fondamento.”
Si noti anche qui  la diagonale di luce.

3. Come sarebbe bello avere in noi un po’ di spiritualità della soglia: non pretesa, ma fiducia.
E verso gli altri: non giudizio, ma speranza!

 

Permalink link a questo articolo: https://www.parrocchiemalnate.it/2020/03/19/un-nobile-committente/